Home > IIM1
Ultima modifica: 21 Maggio 2014

IIM1

 


Progetto pari opportunità

 

Elenco slides:

  • 1. 2 M1 A.S. 2013-2014 1
  • 2. 2 M1 A.S. 2013-2014 2  L’Italia è una Repubblica democratica,L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.fondata sul lavoro.  La Repubblica riconosce a tutti i cittadini ilLa Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizionidiritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.che rendano effettivo questo diritto.  La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, aLa donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni cheparità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni dispettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimentolavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare edella sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino unaassicurare alla madre e al bambino una speciale e adeguata protezione.speciale e adeguata protezione.
  • 3. 2 M1 A.S. 2013-2014 3  La Donna nasce libera e resta eguale all’uomo nei diritti. Le distinzioni sociali possono essere fondate solo sull’utilità comune. Tutto il rigore è esercitato dalla legge per ogni donna dichiarata colpevole.
  • 4. 2 M1 A.S. 2013-2014 4 Le pari opportunità nellaLe pari opportunità nella normativa e nella societànormativa e nella società Il viaggio nella normativa italiana relativa al diritto alle pariIl viaggio nella normativa italiana relativa al diritto alle pari opportunità tra uomini e donne inizia nel 1919, anno in cuiopportunità tra uomini e donne inizia nel 1919, anno in cui in Italia viene riconosciuta alle donne la capacità giuridica ein Italia viene riconosciuta alle donne la capacità giuridica e consente loro di esercitare tutte le professioni e buona parteconsente loro di esercitare tutte le professioni e buona parte degli impieghi pubblici.degli impieghi pubblici. La costituzione è stata un grande passo in avanti che haLa costituzione è stata un grande passo in avanti che ha posto le basi per la normativa futura. Con la stagioneposto le basi per la normativa futura. Con la stagione dei movimenti tra il 62’ e il 75’anche le donnedei movimenti tra il 62’ e il 75’anche le donne iniziano a rivendicare diritti non solo in quantoiniziano a rivendicare diritti non solo in quanto studentesse o lavoratrici,ma prima di tutto in quantostudentesse o lavoratrici,ma prima di tutto in quanto donne.donne.
  • 5. 2 M1 A.S. 2013-2014 5  1970:la legge sul divorzio stabilisce l’assoluta parità tra i coniugi nei casi di scioglimento del matrimonio e per la prima volta “calcola” il contributo femminile alla vita familiare.  1977:Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro:è la cosiddetta legge Anselmi,assorbita dal decreto legislativo dell’11 aprile 2006,codice delle pari opportunità tra uomini e donne,che afferma l’illegittimità di qualsiasi discriminazione fondata sul sesso,il diritto alla stessa retribuzione e il diritto all’assistenza anche per il padre lavoratore.
  • 6. 2 M1 A.S. 2013-2014 6 Nella CostituzioneNella Costituzione Repubblicana si trovano leRepubblicana si trovano le fondamentafondamenta dell’affermazione deldell’affermazione del principio delle Pariprincipio delle Pari Opportunità che inOpportunità che in concreto non risulta ancoraconcreto non risulta ancora realizzato in modorealizzato in modo accettabile.accettabile.  Dal punto di vista della suaDal punto di vista della sua evoluzione in Italia sono glievoluzione in Italia sono gli anni 70 quelli più rilevanti, siaanni 70 quelli più rilevanti, sia per le rivendicazioni, sia per gliper le rivendicazioni, sia per gli obiettivi raggiunti.obiettivi raggiunti.  Basti ricordare la riforma delBasti ricordare la riforma del “diritto di famiglia”, la legge“diritto di famiglia”, la legge Aselmi sulla parità diAselmi sulla parità di trattamento tra uomini e donnetrattamento tra uomini e donne in materie di lavoro, la legge sulin materie di lavoro, la legge sul Divorzio e sull’Aborto.Divorzio e sull’Aborto.
  • 7. 2 M1 A.S. 2013-2014 7  Tale principio ha ricevuto sostegno ed impulso ancheTale principio ha ricevuto sostegno ed impulso anche dalla normativa dell’ U.E.dalla normativa dell’ U.E.
  • 8. 2 M1 A.S. 2013-2014 8  Il D. Lgs n°5/2010 haIl D. Lgs n°5/2010 ha recepito la direttivarecepito la direttiva Europea del 2006Europea del 2006 relativa al principio “Dellerelativa al principio “Delle Pari Opportunità e dellaPari Opportunità e della Parità di TrattamentoParità di Trattamento fra Uomini & Donne infra Uomini & Donne in materia di occupazione emateria di occupazione e impiego”.impiego”.  L’obiettivo è quello diL’obiettivo è quello di evitare la disparità e laevitare la disparità e la discriminazione,siadiscriminazione,sia diretta che indiretta,chediretta che indiretta,che ancora esistono inancora esistono in ambiente di lavoro.ambiente di lavoro.  Inoltre vuole evitareInoltre vuole evitare il “Gender Pay Gap”il “Gender Pay Gap” relativo allerelativo alle discriminazioni nellediscriminazioni nelle retribuzioni traretribuzioni tra Uomini & DonneUomini & Donne
  • 9. 2 M1 A.S. 2013-20142 M1 A.S. 2013-2014 99
  • 10. 2 M1 A.S. 2013-2014 10 La MatematicaLa Matematica  È femminile solo diÈ femminile solo di nome, di fatto è unanome, di fatto è una materia in cui lemateria in cui le donne non riesconodonne non riescono a eccellere.a eccellere.  Anzi, il divario traAnzi, il divario tra loro e gli uomini èloro e gli uomini è vastissimo.vastissimo.  Ad affermarlo èAd affermarlo è l’ultimo rapportol’ultimo rapporto “OCSE-PISA 2012”,“OCSE-PISA 2012”, che ha raccolto eche ha raccolto e valutatovalutato performanceperformance  Secondo l’indagine,Secondo l’indagine, gli studenti maschigli studenti maschi sarebbero molto piùsarebbero molto più bravi in matematicabravi in matematica delle colleghedelle colleghe femmine.femmine.
  • 11. 2 M1 A.S. 2013-2014 11  Credendo di non essereCredendo di non essere portate per la materia, leportate per la materia, le ragazze si scoraggiano inragazze si scoraggiano in partenza.partenza.  E anche quelle cheE anche quelle che riescono a ottenere gliriescono a ottenere gli stessi risultati deistessi risultati dei maschi, hanno menomaschi, hanno meno costanza, un più bassocostanza, un più basso livello di apertura allalivello di apertura alla soluzione dei problemi,soluzione dei problemi, livelli più bassi dilivelli più bassi di motivazione a imparare lamotivazione a imparare la matematica e più altimatematica e più alti livelli di ansia.livelli di ansia.
  • 12. 2 M1 A.S. 2013-2014 12  Nel 2012 gliNel 2012 gli studentistudenti italianiitaliani sono miglioratisono migliorati moltissimo inmoltissimo in matematica e nellematematica e nelle materie scientifiche.materie scientifiche.  Però il divario traPerò il divario tra maschi e femminemaschi e femmine non si ènon si è assottigliato.assottigliato.
  • 13. 2 M1 A.S. 2013-2014 13 Fra le matematiche va ricordata la già citata IpaziaFra le matematiche va ricordata la già citata Ipazia (370-415 d.C),figlia del matematico e filosofo Teone.(370-415 d.C),figlia del matematico e filosofo Teone. Diventò capo di una scuola platonica di AlessandriaDiventò capo di una scuola platonica di Alessandria d’Egitto,frequentata da molti giovani. Fu uccisa barbaramente dad’Egitto,frequentata da molti giovani. Fu uccisa barbaramente da monaci,forse anche perché tanta genialità matematica in unamonaci,forse anche perché tanta genialità matematica in una donna poteva sembrare indice di empietà.donna poteva sembrare indice di empietà. Nel 1700 Maria Gaetana Agnesi (1718-1799) fu la prima donna adNel 1700 Maria Gaetana Agnesi (1718-1799) fu la prima donna ad essere chiamata a ricoprire una cattedraessere chiamata a ricoprire una cattedra universitaria,all’Università di Bologna,e Sophie German (1776-1831)universitaria,all’Università di Bologna,e Sophie German (1776-1831) fu una riconosciuta esperta di teoria dei numeri e di fisica.fu una riconosciuta esperta di teoria dei numeri e di fisica.
  • 14. 2 M1 A.S. 2013-2014 14 Nel XIX secolo ci sono numerosi e grandi matematiche,fra le qualiNel XIX secolo ci sono numerosi e grandi matematiche,fra le quali emergono soprattutto Sophia Kovaleskaja (1850-1891),professoreemergono soprattutto Sophia Kovaleskaja (1850-1891),professore all’Università di Stoccolma e Emmy Noether (1882-1935),fondatriceall’Università di Stoccolma e Emmy Noether (1882-1935),fondatrice dell’Algebra moderna.Fra le matematiche italiane di questo secolodell’Algebra moderna.Fra le matematiche italiane di questo secolo ricordiamo Pia Nalli (1866-1964)professore ordinario di analisiricordiamo Pia Nalli (1866-1964)professore ordinario di analisi matematica all’Università di Cagliari e poi di Catania; Maria Pastorimatematica all’Università di Cagliari e poi di Catania; Maria Pastori (1895-1975), ordinario di Meccanica Razionale all’Università di(1895-1975), ordinario di Meccanica Razionale all’Università di Messina.Messina.
  • 15. 2 M1 A.S. 2013-2014 15 Maria Cibrario CinquiniMaria Cibrario Cinquini (1905-1992) ordinario(1905-1992) ordinario di Analisi Matematicadi Analisi Matematica a Cagliari e professorea Cagliari e professore emeritoemerito dell’Università didell’Università di Pavia,MariaPavia,Maria Biggioggiero MasottiBiggioggiero Masotti ordinario di geometriaordinario di geometria presso il Politecnicopresso il Politecnico di Milano.di Milano. Maria Curie (1867-Maria Curie (1867- 1934)è stata una1934)è stata una chimica e fisicachimica e fisica polacca, vincitrice delpolacca, vincitrice del Premio Nobel perlaPremio Nobel perla fisica.fisica.
  • 16. 2 M1 A.S. 2013-20142 M1 A.S. 2013-2014 1616
  • 17. 2 M1 A.S. 2013-2014 17 Marie CurieMarie Curie  Maria SkłodowskaMaria Skłodowska, meglio nota, meglio nota come come Marie CurieMarie Curie (Varsavia, 7 (Varsavia, 7 novembre 1867– Passy, 4novembre 1867– Passy, 4 luglio 1934), è stataluglio 1934), è stata una chimica e fisica polacca una chimica e fisica polacca  naturalizzata russa e innaturalizzata russa e in seguito francese.seguito francese.  Nel 1903 fu insignita del premioNel 1903 fu insignita del premio Nobel per la fisica (assieme alNobel per la fisica (assieme al marito Pierre Curie e ad Antoinemarito Pierre Curie e ad Antoine Henri Becquerel) “per i loro studiHenri Becquerel) “per i loro studi sulle radiazioni” e, nel 1911,sulle radiazioni” e, nel 1911, del premio Nobel per ladel premio Nobel per la chimica per la sua “scopertachimica per la sua “scoperta del radio e del polonio”. Mariedel radio e del polonio”. Marie Curie è stata l’unica donna tra iCurie è stata l’unica donna tra i quattro vincitori di più di unquattro vincitori di più di un Nobel e, insieme a Linus Pauling,Nobel e, insieme a Linus Pauling, l’unica ad averlo vinto in due areel’unica ad averlo vinto in due aree distinte.distinte.
  • 18. 2 M1 A.S. 2013-2014 18  Marie Curie crebbeMarie Curie crebbe nella Polonia russa; poichénella Polonia russa; poiché qui le donne non potevanoqui le donne non potevano essere ammesse agli studiessere ammesse agli studi superiori, si trasferìsuperiori, si trasferì a Parigi e nel 1891 iniziò aa Parigi e nel 1891 iniziò a frequentare la Sorbona,frequentare la Sorbona, dove si laureò in fisica edove si laureò in fisica e matematica. Nel dicembrematematica. Nel dicembre del 1897 iniziò a compieredel 1897 iniziò a compiere degli studi sulle sostanzedegli studi sulle sostanze radioattive, che da alloraradioattive, che da allora rimasero al centro dei suoirimasero al centro dei suoi interessi. Dopo la morteinteressi. Dopo la morte accidentale del maritoaccidentale del marito Pierre Curie, avvenuta nelPierre Curie, avvenuta nel 1906, le fu concesso di1906, le fu concesso di insegnare nella prestigiosainsegnare nella prestigiosa università della Sorbona.università della Sorbona. Due anni più tardi le venneDue anni più tardi le venne assegnata la cattedra diassegnata la cattedra di fisica generale, diventandofisica generale, diventando la prima donna ad insegnarela prima donna ad insegnare alla Sorbona.alla Sorbona.
  • 19. 2 M1 A.S. 2013-2014 19  Pierre Curie (Parigi, 15 maggioPierre Curie (Parigi, 15 maggio 1859 – Parigi, 19 aprile 1906) è1859 – Parigi, 19 aprile 1906) è stato un fisico francese.stato un fisico francese.  Egli fu un pioniere nei campiEgli fu un pioniere nei campi della cristallografia,della cristallografia, del magnetismo,del magnetismo, della piezoelettricità edella piezoelettricità e della radioattività. Nel 1903della radioattività. Nel 1903 ricevette il Premio Nobel per laricevette il Premio Nobel per la Fisica con sua moglie, MarieFisica con sua moglie, Marie Curie e Henri Becquerel, “aCurie e Henri Becquerel, “a riconoscimento degliriconoscimento degli straordinari servigi che essistraordinari servigi che essi hanno reso grazie alle lorohanno reso grazie alle loro ricerche congiunte sui fenomeniricerche congiunte sui fenomeni radioattivi scoperti dal Professorradioattivi scoperti dal Professor Henri Becquerel”.Henri Becquerel”.
  • 20. 2 M1 A.S. 2013-2014 20  Pierre fu istruito dal padre e nella sua primaPierre fu istruito dal padre e nella sua prima adolescenza mostrò una forte attitudine per laadolescenza mostrò una forte attitudine per la matematica e la geometria. All’età di 16 annimatematica e la geometria. All’età di 16 anni ottenne la laurea in matematica. A 18 anniottenne la laurea in matematica. A 18 anni completò gli studi con una laurea in fisica, macompletò gli studi con una laurea in fisica, ma non proseguì immediatamente con un dottoratonon proseguì immediatamente con un dottorato per problemi economici. Lavorò, quindi, comeper problemi economici. Lavorò, quindi, come istruttore di laboratorio.istruttore di laboratorio.
  • 21. 2 M1 A.S. 2013-2014 21  È stata la prima donna e l’unicoÈ stata la prima donna e l’unico scienziato a vincere due premiscienziato a vincere due premi Nobel (Fisica, nel 1903, e Chimica,Nobel (Fisica, nel 1903, e Chimica, nel 1911), eguagliata in seguito dalnel 1911), eguagliata in seguito dal chimico Linus Pauling ma solochimico Linus Pauling ma solo perché prese il Nobel per la Paceperché prese il Nobel per la Pace oltre a quello della Chimica e haoltre a quello della Chimica e ha dato il suo nome a un’unità didato il suo nome a un’unità di misura, il Curie, che misuramisura, il Curie, che misura la radioattività degli elementi.la radioattività degli elementi.  Soprattutto, Marie Curie è riuscitaSoprattutto, Marie Curie è riuscita a essere scienziata, madre e sposaa essere scienziata, madre e sposa insieme, riuscendo in tutti queiinsieme, riuscendo in tutti quei campi che gli uomini del suo tempo,campi che gli uomini del suo tempo, ma anche del nostro, ritenevanoma anche del nostro, ritenevano inadatti alle donne, considerateinadatti alle donne, considerate incapaci di fare tutto quello cheincapaci di fare tutto quello che Marie e tante donne prima e dopoMarie e tante donne prima e dopo di lei hanno fatto e fanno per sedi lei hanno fatto e fanno per se stesse e gli altri.stesse e gli altri.
  • 22. 2 M1 A.S. 2013-2014 22  La scoperta della radioattività avvenne alla fine dell’800 ad opera di Henry Bequerel e dei coniugi Pierre e Marie Curie , che ricevettero il Premio Nobel per la Fisica per le loro ricerche. Essi scoprirono che alcuni minerali, contenenti uranio e radio,avevano la proprietà di impressionare delle lastre fotografiche poste nelle loro vicinanze. Le lastre fotografiche, una volta sviluppate, presentavano delle macchie scure.   Per questa loro proprietà, elementi come l’uranio, il radio e il polonio (gli ultimi due scoperti proprio da Pierre e Marie Curie) vennero denominati “attivi” e il fenomeno di emissione di particelle venne detto radioattività. Da allora sono stati identificati quasi 2500 specie di nuclei differenti e di essi solo una piccola percentuale, circa 280, sono stabili. La radioattività è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici decadano in un certo tempo aleatorio ,detto tempo di decadimento
  • 23. 2 M1 A.S. 2013-2014 23  L’L’immigrazione inimmigrazione in ItaliaItalia, se ci si riferisce, se ci si riferisce allo allo stato unitariostato unitario, appare, appare come un fenomenocome un fenomeno relativamente recente,relativamente recente, che ha cominciato ache ha cominciato a raggiungere dimensioniraggiungere dimensioni significative all’incirca neisignificative all’incirca nei primi anni settanta.primi anni settanta.
  • 24. 2 M1 A.S. 2013-2014 24  Nel 2013 l’Italia era ilNel 2013 l’Italia era il quinto Paese europeo perquinto Paese europeo per numero assoluto di stranierinumero assoluto di stranieri residenti, con 4,3 milioniresidenti, con 4,3 milioni (+8,3% rispetto al 2012)(+8,3% rispetto al 2012) ovverosia con il 7,4% dellaovverosia con il 7,4% della popolazione costituita dapopolazione costituita da stranieri,stranieri, dopo Germania (7,1dopo Germania (7,1 milioni), Francia(6,7milioni), Francia(6,7 milioni), Spagna (5,7milioni), Spagna (5,7 milioni) e Regno Unito (4,4milioni) e Regno Unito (4,4 milioni). In terminimilioni). In termini percentuali, tuttavia, sipercentuali, tuttavia, si collocava decima.collocava decima.
  • 25. 2 M1 A.S. 2013-2014 25  Per pari opportunità siPer pari opportunità si intende un principiointende un principio giuridico inteso comegiuridico inteso come l’assenza di ostacolil’assenza di ostacoli alla partecipazionealla partecipazione economica, politica eeconomica, politica e sociale di un qualsiasisociale di un qualsiasi individuo per ragioniindividuo per ragioni connesse al genere,connesse al genere, religione e convinzionireligione e convinzioni personali, razza epersonali, razza e origine etnica,origine etnica, disabilità , età,disabilità , età, orientamento sessuale.orientamento sessuale.
  • 26. 2 M1 A.S. 2013-2014 26  La discriminazione basata su religione oLa discriminazione basata su religione o convinzioni personali, handicap, età oconvinzioni personali, handicap, età o tendenze sessuali è proibita in tutta l‘tendenze sessuali è proibita in tutta l‘ Unione europea poiché può pregiudicare ilUnione europea poiché può pregiudicare il conseguimento degli obiettivi del trattatoconseguimento degli obiettivi del trattato CE.CE.
  • 27. 2 M1 A.S. 2013-2014 27  In particolare può pregiudicare ilIn particolare può pregiudicare il raggiungimento di un elevato livelloraggiungimento di un elevato livello di occupazionedi occupazione e di protezione sociale,e di protezione sociale, il miglioramento del tenore e dellail miglioramento del tenore e della qualità della vita, la coesione economicaqualità della vita, la coesione economica e sociale, la solidarietà e la liberae sociale, la solidarietà e la libera circolazione delle persone.circolazione delle persone.
  • 28. 2 M1 A.S. 2013-2014 28 Discriminazioni sessistaDiscriminazioni sessista  Il principio delle PariIl principio delle Pari Opportunità, che siOpportunità, che si applica alle questioniapplica alle questioni di genere che vedonodi genere che vedono protagoniste leprotagoniste le donne, si è estesodonne, si è esteso anche ad altre formeanche ad altre forme di discriminazione,di discriminazione, sia sessista che disia sessista che di altro genere.altro genere.
  • 29. 2 M1 A.S. 2013-2014 29  Altre forme diAltre forme di discriminazionediscriminazione che rientranoche rientrano sotto unsotto un principio di pariprincipio di pari dignità edignità e opportunità:opportunità: riguardanoriguardano i disabili e ini disabili e in generale ogni formagenerale ogni forma di discriminazionedi discriminazione basabasatta sull’età,a sull’età, sull’etnia, sulla fede.sull’etnia, sulla fede.
  • 30. 2 M1 A.S. 2013-2014 30  Nell’ambito delle discriminazioni, si segnala laNell’ambito delle discriminazioni, si segnala la battaglia sociale delle associazioni di genitoribattaglia sociale delle associazioni di genitori separati che sostengono i genitori di sesso maschileseparati che sostengono i genitori di sesso maschile che subiscono discriminazioni quando si separano eche subiscono discriminazioni quando si separano e che ha portato alla definizione del principioche ha portato alla definizione del principio di bigenitorialità prima e di affido condiviso indi bigenitorialità prima e di affido condiviso in seguito.seguito.
  • 31. 2 M1 A.S. 2013-20142 M1 A.S. 2013-2014 3131
  • 32. 2 M1 A.S. 2013-2014 32 WOMEN ALWAYS CLOIMEDWOMEN ALWAYS CLOIMED THEIR RIGHT SINCE THETHEIR RIGHT SINCE THE ANCIENT TIMES BUT ITANCIENT TIMES BUT IT WAS ONLY DURING THEWAS ONLY DURING THE FRENCH REVOLUTIONFRENCH REVOLUTION THAT WOMAN WERETHAT WOMAN WERE REQUIREDREQUIRED FOR ALL CIRILFOR ALL CIRIL AND POLITICAL RIGHTS.AND POLITICAL RIGHTS. IN GREAT BRITAIN MARYIN GREAT BRITAIN MARY WALLSTANECRAFT MANWALLSTANECRAFT MAN MAKED THE BEGINNING OFMAKED THE BEGINNING OF THE FEMINIST MOVEMENTTHE FEMINIST MOVEMENT IN ENGLAND.IN ENGLAND. IN 1880 BRITISH WOMENIN 1880 BRITISH WOMEN WAN THE RIGHT TO VOTEWAN THE RIGHT TO VOTE IN MUNICIPAL COUNCILS.IN MUNICIPAL COUNCILS. IN 1903 THERE ARASE AIN 1903 THERE ARASE A FEMMINIST POLITICALFEMMINIST POLITICAL MOVEMENT WHICH FOUGHTMOVEMENT WHICH FOUGHT TO GET THE RIGHT TOTO GET THE RIGHT TO VOTE OR SURFFRAGE FORVOTE OR SURFFRAGE FOR WOMEN : THE MILITANTSWOMEN : THE MILITANTS WERE CALLEDWERE CALLED SUFFRAGETTES.SUFFRAGETTES.
  • 33. 2 M1 A.S. 2013-2014 33 THEY DISTURBEDTHETHEY DISTURBEDTHE SPEECHES OF THESPEECHES OF THE DEPUTIES SET FIRE TODEPUTIES SET FIRE TO SHOPS, PUBLIC BUILDINGSSHOPS, PUBLIC BUILDINGS UNTIL 1918 WHEN THEYUNTIL 1918 WHEN THEY DATEINEDTHE RIGHT TODATEINEDTHE RIGHT TO VOTE.VOTE. IN U.S.A THE FEMMINISTIN U.S.A THE FEMMINIST FOUGHT TENACIAUSLYFOUGHT TENACIAUSLY WITHOUT VIOLENTWITHOUT VIOLENT ACTIONS : THEIRTIPICALACTIONS : THEIRTIPICAL MANIFESTATIONS WEREMANIFESTATIONS WERE PARADES, PROTESTPARADES, PROTEST MARCHES TRYING TORAISEMARCHES TRYING TORAISE PUBLIC ANVARENESS.PUBLIC ANVARENESS. JUST IN THE U.S.A A TERRIBLEJUST IN THE U.S.A A TERRIBLE INCIDENT ACCURREDONINCIDENT ACCURREDON MARCH8,1908 : TEXITFILEMARCH8,1908 : TEXITFILE COMPAING IN NEWYORKACOMPAING IN NEWYORKA SUDDEN FIRE PROVOKEDSUDDEN FIRE PROVOKED THE DEATHOF 129 WOMENTHE DEATHOF 129 WOMEN WORKERS.WORKERS.
  • 34. 2 M1 A.S. 2013-2014 34 THIS DAY WAS DECLARED ATHIS DAY WAS DECLARED A NATIONAL DAY OF THENATIONAL DAY OF THE WOMEN.WOMEN. IN JANUARY 1918 THEIN JANUARY 1918 THE SENATE OF THE U.S.ASENATE OF THE U.S.A APPROVED ONAPPROVED ON EMENDAMENT THATEMENDAMENT THAT GRANTED THE RIGHT TOGRANTED THE RIGHT TO VOTE FOR WOMEN.VOTE FOR WOMEN. IN ITALYIN ITALY OUR SUFFRAGETTES HAD TOOUR SUFFRAGETTES HAD TO WAIT DECADES BEFOREWAIT DECADES BEFORE GETTING THE RIGHT TOGETTING THE RIGHT TO VOTE.VOTE. ONLY 1945 BY A DECREE OFONLY 1945 BY A DECREE OF UMBERTO DI SAVOIA, THEUMBERTO DI SAVOIA, THE LAST KING OF ITALY, THISLAST KING OF ITALY, THIS RIGHT WAS RECOGNIRED.RIGHT WAS RECOGNIRED.
  • 35. 2 M1 A.S. 2013-20142 M1 A.S. 2013-2014 3535 Sviluppo Del TessileSviluppo Del Tessile In Italia e nel MondoIn Italia e nel Mondo
  • 36. 2 M1 A.S. 2013-20142 M1 A.S. 2013-2014 3636 protegge il corpo umano dai pericoliprotegge il corpo umano dai pericoli dell’ambiente: sia agenti atmosfericidell’ambiente: sia agenti atmosferici (freddo, pioggia, sole..), sia insetti,(freddo, pioggia, sole..), sia insetti, sostanze tossiche, armi e altri rischisostanze tossiche, armi e altri rischi alla sicurezza personale.alla sicurezza personale.
  • 37. 2 M1 A.S. 2013-2014 37 L’abbigliamento può essere studiatoL’abbigliamento può essere studiato sia da un punto di vista socio-sia da un punto di vista socio- economico come prodottoeconomico come prodotto dell’industria tessile, legato allodell’industria tessile, legato allo sviluppo tecnologico, della moda e delsviluppo tecnologico, della moda e del consumo.consumo.
  • 38. 2 M1 A.S. 2013-20142 M1 A.S. 2013-2014 3838 Degli abiti si possono studiare le materie primeDegli abiti si possono studiare le materie prime impiegate, le tecniche di realizzazione, gli aspettiimpiegate, le tecniche di realizzazione, gli aspetti estetici e quelli simbolici, i fattori economici e leestetici e quelli simbolici, i fattori economici e le gerarchie sociali.gerarchie sociali.
  • 39. 2 M1 A.S. 2013-2014 39 Le Fibre TessiliLe Fibre Tessili • La fibra naturale maggiormente diffusa è ilLa fibra naturale maggiormente diffusa è il cotone.Il cotone è fortemente diffuso anche incotone.Il cotone è fortemente diffuso anche in Austria.Austria. • La lana è una fibra molto diffusa e le zoneLa lana è una fibra molto diffusa e le zone maggiormente interessate da questo tipo dimaggiormente interessate da questo tipo di economia sono: l’Austriala,la Cina,la Nuovaeconomia sono: l’Austriala,la Cina,la Nuova Zelanda,L’Iran,L’Argentina e il Regno Unito.Zelanda,L’Iran,L’Argentina e il Regno Unito. • Altre fibre importanti per l’economia dei paesiAltre fibre importanti per l’economia dei paesi produttori sono la Juta,La Canapa,La fibra diproduttori sono la Juta,La Canapa,La fibra di cocco,il lino,la seta.cocco,il lino,la seta.
  • 40. 2 M1 A.S. 2013-2014 40 LO sviluppo del tessile in Italia e nelLO sviluppo del tessile in Italia e nel MondoMondo  Il Tessile-Moda italiano ha chiuso gli ultimiIl Tessile-Moda italiano ha chiuso gli ultimi anni in positivo, facendo rilevare una crescitaanni in positivo, facendo rilevare una crescita del fatturato (8,4 milioni di euro) del 10,2%.del fatturato (8,4 milioni di euro) del 10,2%. Nel dettaglio si segnala una performanceNel dettaglio si segnala una performance positiva per la prima parte dell’anno.positiva per la prima parte dell’anno.  Un mercato che si conferma interessante perUn mercato che si conferma interessante per il tessile Made in Italy è la Cina che, puril tessile Made in Italy è la Cina che, pur pesando solo il 2,7% sul totale delle mercipesando solo il 2,7% sul totale delle merci esportate, è il destinatario più dinamicoesportate, è il destinatario più dinamico
  • 41. 2 M1 A.S. 2013-2014 41 Lo Sviluppo del tessile e i distrettiLo Sviluppo del tessile e i distretti industrialiindustriali  Dal secondo dopoguerra si è assistito inDal secondo dopoguerra si è assistito in Italia allo sviluppo dei distrettiItalia allo sviluppo dei distretti industriali (aree territorialiindustriali (aree territoriali specializzate).specializzate).  La natura di estrema dinamicità eLa natura di estrema dinamicità e flessibilità organizzativa dei distretti, laflessibilità organizzativa dei distretti, la necessità di rinnovare la produzione e dinecessità di rinnovare la produzione e di adeguarla al flusso di richieste deladeguarla al flusso di richieste del mercato, ha creato le condizioni per lamercato, ha creato le condizioni per la formazione in varie parti d’Italia di centriformazione in varie parti d’Italia di centri di elaborazione creativa dove i prodottidi elaborazione creativa dove i prodotti industriali vengono progettati, disegnatiindustriali vengono progettati, disegnati e comunicati.e comunicati.
  • 42. 2 M1 A.S. 2013-2014 42  Il distretto industrialeIl distretto industriale svolge un ruolosvolge un ruolo fondamentale per ilfondamentale per il settore tessile-settore tessile- abbigliamento.abbigliamento.  L’Italia è forse menoL’Italia è forse meno creativa della Francia ecreativa della Francia e forse probabilmente èforse probabilmente è meno tecnologicamentemeno tecnologicamente avanzata dei tedeschi eavanzata dei tedeschi e dei giapponesi, ma riescedei giapponesi, ma riesce a coniugare questi duea coniugare questi due fattori, creatività efattori, creatività e tecnologia, in modotecnologia, in modo sinergico realizzandosinergico realizzando prodotti di alto livello,prodotti di alto livello, ma utilizzabili, portabili,ma utilizzabili, portabili, fruibili e quindifruibili e quindi diffondibili nel mondo condiffondibili nel mondo con importanti ritorni.importanti ritorni.
  • 43. 2 M1 A.S. 2013-2014 43  Conoscere le caratteristiche peculiari delConoscere le caratteristiche peculiari del sistema TAMCP.sistema TAMCP.  Conoscere le principali materie prime inConoscere le principali materie prime in termini di origine, caratteristichetermini di origine, caratteristiche merceologiche, destinazioni d’uso emerceologiche, destinazioni d’uso e caratteristiche di impiego.caratteristiche di impiego.
  • 44. 2 M1 A.S. 2013-2014 44  L’esperto del settore tessile e abbigliamentoL’esperto del settore tessile e abbigliamento combinando in istruzioni adeguate.combinando in istruzioni adeguate.  Un’esperienza possibile anche in scuole di settore,Un’esperienza possibile anche in scuole di settore, rappresenta una figura professionale altamenterappresenta una figura professionale altamente specializzata in grado,con adeguate conoscenzespecializzata in grado,con adeguate conoscenze di lingue straniere, di ricoprire importanti ruoli indi lingue straniere, di ricoprire importanti ruoli in Italia e nel Mondo nel settore tessile-moda eItalia e nel Mondo nel settore tessile-moda e abbigliamento.abbigliamento.
  • 45. 2 M1 A.S. 2013-2014 45
  • 46. 2 M1 A.S. 2013-2014 46  Gli stadi di calcio sono da sempre degli anticipatori eGli stadi di calcio sono da sempre degli anticipatori e amplificatori di problematiche presenti all’interno dellaamplificatori di problematiche presenti all’interno della nostra società e il razzismo e la xenofobia trovano spesso,nostra società e il razzismo e la xenofobia trovano spesso, purtroppo, una loro espressione. Dalle frasi ingiuriose dipurtroppo, una loro espressione. Dalle frasi ingiuriose di alcuni striscioni come quello “Auschwitz” la vostra patria, ialcuni striscioni come quello “Auschwitz” la vostra patria, i forni le vostre case” (Esposto nel derby dalla curva lazialeforni le vostre case” (Esposto nel derby dalla curva laziale nel 1999) al verso della scimmia nei confronti di giocatorinel 1999) al verso della scimmia nei confronti di giocatori neri (ultimo della serie nell’amichevole Spagna-Inghilterraneri (ultimo della serie nell’amichevole Spagna-Inghilterra del 17 novembre 2004). del 17 novembre 2004).  Ma spesso non sono solo i tifosi ad avere atteggiamentiMa spesso non sono solo i tifosi ad avere atteggiamenti razzisti: allenatori che discriminano i gay, giocatori che inrazzisti: allenatori che discriminano i gay, giocatori che in campo si offendono per la loro provenienza etnica, mediacampo si offendono per la loro provenienza etnica, media che usano metafore a sfondo razziale.che usano metafore a sfondo razziale.
  • 47. 2 M1 A.S. 2013-2014 47  Cori razzistiCori razzisti contro ilcontro il giocatore delgiocatore del Milan KevinMilan Kevin PrincePrince BoatengBoateng durantedurante un’amichevoleun’amichevole con il Procon il Pro Patria, così laPatria, così la squadra hasquadra ha
  • 48. 2 M1 A.S. 2013-2014 48 Fine Presentazione progetto Pari Opportunità 2013-2014 Dalla classe 2M1
|lezbiyen |android porno |rahibe porno |okul porno |anne porno |mobil porno |seks izle |türkçe altyazılı porno |altyazılı porno |mobil porno izle | |seks hikayeleri |erotik hikaye |engelsiz porno |türkçe porno |mobil porno |